Ci vorrebbe così poco.

Povero Südtirol, pieno di tutto ma così povero di coscienza collettiva.
Disarma l’opportunismo con il quale, mercoledì scorso, non è stato accettato di aumentare i contributi per progetti in paesi in via di sviluppo.
La richiesta –respinta- dei Verdi era di aumentare i sussidi allo 0,25 percento del budget annuale a disposizione; cioè di passare dagli attuali miseri 2 milioni di euro a 15 milioni.
Dimenticano i nostri regnanti di aver avuto un’Austria che ha aiutato per decenni. Dimentica le difficoltà, gli enormi problemi che ci sono stati nell’immediato dopoguerra, dimentica che i nostri sono dovuti andar via a cercar fortuna.
Dimentica facilmente quando si tratta di metter mano al portafoglio di tutti, per progetti in un mondo lontano che non hanno la visibilità di una superstrada o di un ponte nel nostro piccolo e ricco –apparente- paese dei balocchi.
Tanto per rinfrescarci la memoria vorrei sottolineare che ci sono quasi 6 miliardi di euro a disposizione del Landtag. Siamo meno di mezzo milione di abitanti e riusciamo ad avere soldi per tutto. Non per tutti, ma per tutto sì. Importante che sia grande, ben visibile, e che non manchino il Landeshauptmann e la televisione all’inaugurazione.
Vergognatevi. Ci sono paesi in sudamerica –per non parlare dell’Africa- che contano venti, trenta, quaranta volta gli abitanti dell’Alto Adige che hanno un budget annuale molto, molto più basso. Ma che mondo è questo qui?
Fare gli spilorci con i nostri soldi quando si tratta di aiutare persone che muoiono di fame è sotto a ogni più infimo livello di coscienza.
Ricordo a lorsignori che i paesi nordici, la Norvegia in primis, contribuiscono con l’1 percento, la Germania con lo 0,7 percento. Perfino l’Italia, la tanto malsopportata Italia, perfino lei mette a disposizione lo 0,25 percento.
E noi cosa facciamo? Ci ostiniamo a non voler dare più dello 0,3 permille. Prendendo magari come scusa la magnanimità del Sudtirolese.
Caro Südtirol, dal 26 ottobre ti aiuteremo a rendere il mondo un po’migliore.

michil costa, Corriere dell’Alto Adige

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...