Il giorno intoccabile

Qualche giorno fa un mio amico mi chiese di concludere una trattativa. Pur sapendo che il mio giorno intoccabile è il lunedì, mi chiese di fare l’operazione nel “mio” giorno. Qui di seguito le righe che gli ho mandato:

Caro R.,
di lunedì?? Ma tu sei tutto matto. Ma allora non sono proprio riuscito a trasmetterti un bel niente del mio voler intender la vita.
Ma non lo sai che l’illusione fondamentale dell’ umanità consiste nel supporre che io sono qui e tu sei lì? Ma io di lunedì mi dedico al tutto, alla complessità del mondo, all’estraniarmi dal tutto per nuovamente poter immergermi con più verve e più forza d’animo. Io di lunedì devo buttar fuori i pensieri, non posso più accumulare. Io di lunedì non posso firmare contratti e nemmeno voglio sentir parlare di soldi. Ma R.,m, ma sei impazzito? E poi.. vuoi che te la dica tutta? Sono belle le Dolomiti, ma pur sempre di sassi si tratta. Dai, siamo sinceri tra di noi: Le donne sono davvero l’unica cosa strepitosa che ci siamo trovati intorno. A volte hanno un difetto: noi, i loro maschi. Noi però, che vogliamo essere prima ancora che gentili e gentiluomini, profondamente riconoscenti per la Bellezza che ci donano giorno dopo giorno, dobbiamo assolutamente inventarci qualcosa di magico. Fossimo tutti poeti eterni, o delle star del cinema sempre sull’onda del successo, o filosofi ogni mattina, o dei Barack Obama nel giorno del giuramento, o amanti irresistibili potremmo -forse-, regalare loro quello che sarebbe giusto facessimo: intensi momenti continui di percezione di bellezza sub cutanea. Ma no, non parlo di una crema antiossidante. La soluzione è: sorprendere con il luogo ideale nel momento ideale la nostra sposa, la nostra compagna, la nostra amata. Quindi il lunedì per me è un posto dove il tempo scorre più lento. È la tridimensionalità spazio-temporale per eccellenza. Dove io possa condividere, insieme alla mia regina, immensi intensi istanti. Profonde sensazioni montano-amorose, elevazioni d’animo, profondità spirituali, mute discussioni ed accesi silenzi. Questo, caro R., proprio questo è il lunedì.
Concludo con un pensiero che ci dovrebbe far sentire più vicini ai nostri amici tibetani, riprendendo la frase iniziale che ora ti ripeto: L’illusione fondamentale dell’ umanità consiste nel supporre che io sono qui e tu sei lì. Quindi dedichiamo un mantra al glorioso, solare tibet, il cui popolo scava nel cuore del mondo e della terra alla ricerca de pace, serenità, esistenza e libertà libertà libertà

michil

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...