8 pensieri su “Il valore della noia

  1. Marco Galli

    Bundé,
    .. avere il tempo per pensare è un bene prezioso e motore di mille iniziative.

    La ‘plastica finta’ del campo da sci di Dubai espressione di una ostentata invincibilità e sintomo di poca umiltà è una brutta abitudine che si sta diffondendo sintomo di una diversa e nociva noia: quella mentale.

    Molto probabilmente i ‘Tomas’ e ‘Daniel’ di Longiaru, grazie alla Mamma, avranno da grandi una ricchezza che altri neanche conoscono:
    avranno la ‘noia’ di essere padroni del proprio tempo !!

    A presto

    Saluc
    marco

  2. Paolo Pegorari

    Bundè a voi !🙂

    ormai tutto è finto e alla gente va pure bene, basta divertirsi..o fingere di divertirsi…
    spero di riuscire quest’estate a fare salto tra le dolomiti..
    Volevo chiedervi come sta andando lì nella valle riguardo l’ edilizia..

    tanti cari saluti
    paolo

  3. Marco Forni

    giulan de cuer dl pensier che se marida ncuei al brum dl ciel.
    L me à fat plajëi a liejer l articul de nosc Michil.
    N bel di fat ite te na plecia de surëdl,
    Marco Forni

    N.B.: “Il valore della noia sui pascoli” può rimettere in careggiata le lancette dell’orologio e farci riassaporare le pulsazioni del cuore che accompagnano i nostri passi.
    E la noia? La noia inizia ad accordarsi mirabilmente con la gioia.

  4. Davide Paolini

    non ho ancora capito cosa sia la noia , ma spesso penso sia quella cosa che ho avvertito in vacanza …… ed era un qualcosa di diverso da quando lavoro con il cervello, magari mi perdo tra i pensieri, inutili
    Davide

  5. Complimenti per l’articolo. Una triste verità.
    Non ci rendiamo neppure conto che ogni angolo vicino a noi può regalarci una meraviglia, un sorriso sincero pieno di gioia.
    E ringraziamo che la Natura non è permalosa altrimenti ci avrebbe girato le spalle da tempo.
    L’importante anche nel nostro piccolo è farci sentire evitando di far finta di nulla.
    Grazie di cuore e buona giornata piena di sole.

    De bi salüc

    Alessandro

  6. All’imprenditore turistico ed ambientalista Michil Costa i complimenti per brillante articolo IL VALORE DELLA NOIA SUI PASCOLI DI LONGIARU’. E’ inevitabile, chi ha una montagna di soldi da spendere e vorrebbe farne ancora di più finisce spesso per avviare dei progetti kitsch, di cattivo gusto. Se poi il buon gusto manca già dalla base, diffonderlo col sostegno di montagne di soldi è uno scherzo.  Moravia sulla noia aveva scritto un capolavoro.
    Procurarsi un fior di testimonial che canti la “noia” sui pascoli di Longiarù, nell’anfiteatro delle marmotte, al vallon bianco… “noia” vera, di qualità, senza infingimenti.
    Così va il mondo, chi ha l’oro nelle mani si fa un baffo dei divertifici di latta, anche quando sono addobbati con le piume.
    A presto,
     
    Angelo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...