L’ecomostro ammazzaboschi, fornirà i cannoni da neve

di Maurizio di Giangiacomo
SELVA DI VAL GARDENA (BZ) Mentre le Dolomiti si sbriciolano, i padroni dell’industria turistica altoatesina continuano a disboscare, scavare e cementificare. Succede a Plan de Gralba, Selva di Val Gardena, trampolino di lancio delle sciate delle centinaia di migliaia di turisti che ogni anno affollano le piste del cosiddetto «Sellaronda», il famosissimo carosello attorno al gruppo del Sella. Qui, fino a qualche mese fa c’erano 20.000 metri quadrati di boschi e pascoli: ora c’è un buco. Potrà contenere fino a 70.000 metri cubi d’acqua, quelli necessari ad alimentare i cannoni da neve di Plan de Gralba. L’innevamento programmato è da più di un decennio condizione necessaria (ma non sufficiente) per il buon funzionamento dell’economia turistica delle vallate dolomitiche. In suo nome si fa questo ed altro. Ed è la stessa Provincia autonoma di Bolzano a caldeggiare la costruzione di bacini artificiali per l’alimentazione degli impianti d’innevamento programmato, allo scopo di non gravare con i cannoni sulla rete idrica. Ne sono sorti un po’ ovunque, dove ci sono piste da sci. L’anno scorso la protesta si era levata contro la realizzazione di un altro laghetto nella vicina Val Badia.
I lavori di realizzazione del laghetto artificiale di Plan De Gralba – richiesti dalla Sciovie del Sella spa e dalla Piz Sella spa e poi affidati all’impresa Wieser – sono stati autorizzati nel 2010 dall’allora sindaco di Selva Gardena Roland Demetz – peraltro titolare della Demag, azienda leader nella progettazione e costruzione di innovativi cannoni da neve – ormai giunto agli ultimi mesi della sua amministrazione e impossibilitato a ricandidarsi. Il via libera alle ruspe era arrivato nonostante una relazione sull’impatto ambientale – redatto dallo studio Gasser di Brunico – tutt’altro che tranquillizzante. Perché se è vero che il laghetto s’inserisce in un paesaggio già profondamente segnato dalla presenza delle piste da sci, è altrettanto vero che, si legge nel rapporto, «durante i lavori si avrà un disturbo notevole alla fauna per i rumori causati dai macchinari e per la presenza massiccia dell’uomo e questo potrà portare ad una migrazione degli animali».
Ma le proteste degli ambientalisti sono legate ad altri due aspetti. Quello relativo all’alimentazione del laghetto, per la quale sono state autorizzate una nuova opera di presa sul rio Cuecenas, a 1.900 metri di quota, con una derivazione media di 5 litri al secondo, e un aumento della derivazione dal rio Meisules da 7 a 12 litri al secondo.
E, non ultimo, quello relativo al finanziamento del progetto: nelle ultime settimane si è parlato infatti di uno stanziamento di fondi pubblici legato alla possibile funzione antincendio dell’invaso. Circostanza, questa, fermamente smentita da Florian Mussner, l’assessore ladino – gardenese ma «targato» Südtiroler Volkspartei – della giunta provinciale altoatesina. «Questa mi è nuova – dice Mussner – Il bacino artificiale è un’opera privata e tale rimane. E’ previsto che possa essere utilizzata come riserva per gli incendi boschivi, ma niente di più».
Rassicurazione che non tranquillizza chi, come Klaus Demetz, artista e «voce libera» della Val Gardena, continua a protestare: «Non è tollerabile che una struttura come quella sia realizzata sul suolo pubblico a beneficio di imprese private. Stando ad alcune indiscrezioni, le due imprese avrebbero pagato una cifra ridicola al Comune di Selva: se mettessi due finestre nuove a casa mia pagherei sicuramente di più. Ma è ancora più grave la mancanza d’informazione su quello che viene fatto con la cosa pubblica: quando ho messo in rete le foto del bacino che sta sorgendo a Plan de Gralba, la gente della Val Gardena è caduta dalle nuvole. I media locali non se n’erano mai occupati, nessuno aveva idea che a pochi chilometri dal paese stesse per essere realizzata una struttura del genere».

La Stampa, 20/08/2012

 

 

 

4 pensieri su “L’ecomostro ammazzaboschi, fornirà i cannoni da neve

  1. Lorenzon Filippo

    Provo dolore, conosco quella magnifica conca esattamente sotto al più bel massiccio del pianeta (Gruppo del Sella) e inorridisco. Non capisco. Un tale patrimonio non andrebbe tutelato al 101%?

  2. Tristezza, e la parola che mi viene leggendo questo articolo e quardando le foto in rete. Non e possibile assistere ad uno scempio tale della natura ma poi ancora piu grave la mancanza di informanzione sul quello che viene fatto .

  3. giorgio

    Che peccato,uno sbancamento enorme,una ferita come ne ho viste fatte alle colline del Mugello dall’Alta Velocità…conosco abbastanza bene quelle valli,e penso che a prescindere dall’uso che tale bacino artificiale avrà,per quanto ancora andremo avanti a sacrificare qualcosa del nostro paesaggio per il denaro e il “progresso”?

  4. Gianfilippo Da Forno

    Settembre 1947.Avevo 8 anni quando in compagnia di mio padre con una corriera ansimante ,partiti da Ortisei ci accingevamo a fare il giro dei 4 passi.Le strade non asfaltate i boschi che cominciavano a manifestare la presenza dorata dei larici,credevo di essere arrivato da un paesino del lazio dove vivevo, in un altro mondo, una fiaba,da allora ho continuato quasi tutti gli anni a tornare e spesso più volte in un anno.Anche oggi ho l’impressione di venire in un altro mondo.Ma che mondo è quello nel quale tutto deve essere sacrificato al Dio danaro?La montagna ha perso il suo lato più affascinante:il romanticismo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...