2 pensieri su “Un’economia del bene comune

  1. In questo bell’articolo il Signor Michil esprime in modo chiaro, preciso e coerente le sue idee. Idee che condivido, sebbene non credo che il sistema capitalistico sia tutto da buttare: in effetti, nella misura in cui esso promuove e tutela i diritti e le libertà individuali, tra cui quella “ricerca della felicità” (ovvero della bellezza) che ispira la Costituzione degli USA, è da salvare e anzi rivalutare. Sono solo gli eccessi, le violazioni delle regole, le degenerazioni da deprecare e quindi eliminare.
    Comunque, è confortante vedere un crescente numero di imprese, anche nel mio settore, che credono in un’economia fondata sul bene comune. Lo testimonia la nuova visione della filiera come “chain of custody”, così come lo dimostrano tante iniziative concrete rivelatrici di grande consapevolezza e sensibiltà nei confronti dei problemi del nostro tempo, attenzione non solo al “particulare”, alla “bottom line” del bilancio, ma anche al benessere collettivo, alla qualità, all’etica sostanziale e non puramente formale.
    Noto che sempre più aziende redigono “bilanci sociali” proprio per documentare le “esternalità”, cioè i benefici da esse recate alla comunità, proponendosi come attori sociali e non solo economici.
    Un cordialissimo saluto
    Sonia Sbolzani

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...