Con pane e Südtirol la SVP si è scavata la fossa da sola

Tra mance e mancette –sempre in buona fede, e chi ne dubita?!- e problemucci vari ora davvero la Svp é terrorizzata per la paura di non superare la soglia per la Camera. Sono in fermento; hanno le convulsioni, si agitano, in preda a una nevrosi contribuiscono all’economia locale stampando l’opuscolo “Autonomie in Gefahr”, ma tutti capiscono: “Volkspartei in Gefahr”. Hanno seminato vento, raccolgono tempesta.
autonomie-in-gefahr-svpHanno abituato i sudtirolesi a non pensare che a se stessi, li hanno allevati nel Sudtirol-centrismo, hanno sparso a piene mani la sfiducia verso l’Italia, verso l’Europa, tutti pronti a opprimere questa povera minoranza, e ora che il sistema non regge più, che i flussi di denaro si interrompono, sono i Freiheitlichen a capitalizzare questo senso comune: se non ci possiamo fidare più di nessuno, via dall’Italia, via dall’Europa, Freistaat! E ogni patto con partiti nazionali è il tradimento della minoranza e dell’autodeterminazione. A Leitner & Co. Non serve far nulla: basta essere populisti quanto basta, moderati quanto basta, lodare la Svp del bel tempo antico e dire che oggi, la vera Volkspartei dei Südtiroler sono loro.
Qualcuno nel 2008 disse: contro l’ondata a destra facciamo barriera votando Svp. E un 4-5% di voti passò nelle ultime settimane dai Verdi (dati al 10% in tutti i più affidabili sondaggi) alla Svp. Ma l’esperienza di questa legislatura dell’illegalità ha dimostrato che la Svp non è la barriera, ma la causa della frana a destra. E’ la Svp che lavora per la destra tedesca, basta vedere i manifesti che ha appeso in queste elezioni. Alla destra bisogna opporre un “Gegengewicht” e questologo-verdi-grc3bcne-verc possono esserlo solo i Verdi-Grüne-Verc. Una forza politica diffusa in ogni angolo del Sudtirolo, ben presente nel mondo tedesco e ladino, che si rivolge alla parte più civile dell’elettorato proponendo una protesta contro gli scandali (che noi abbiamo contribuito a scoprire, dallo scandalo SEL a Kaufleute Aktiv), ma che propone un Sudtirolo aperto al mondo, conviviale, pacifico, pulito, mite, morigerato, responsabile verso gli altri, verso il futuro, verso il pianeta.

michil costa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...