Morire su un barcone o in aereo?

Lupi e squali. Tragedie di aria e tragedie di mare. Di fronte all’irreversibilità della morte siamo tutti uguali. Anche le tragedie dovrebbero esserlo. I lupi sbranano gli avanzi dei corpi dilaniati nello schianto dell’aereo sulla montagna francese. Gli squali divorano i corpi dispersi nel Mediterraneo. Ma a ben guardare non è esattamente così: il tono dei media nei confronti delle tragedie che colpiscono l’uomo bianco è veemente,  accorato, a caratteri cubitali. Nei confronti di chi cerca in tutti i modi un’alternativa alla miseria dell’esistenza e caso mai ha un colore e una fede diversa dalle nostre merita si e no un’attenzione moderata, quasi di taglio, come se l’uomo o la donna o il bambino nel barcone fosse diverso, e un po’ fastidioso anche.

Immigrazione: Fregata Euro soccorre due barconi con 956 profughiSembra quasi che ci sia una sorta di assuefazione mista a disinteresse di fronte alle migliaia di persone che ogni anno perdono la vita cercando di portare la pelle da un continente all’altro via mare. Su barconi scalcinati e pagando un prezzo altissimo ai mafiosi che organizzano questa moderna tratta degli schiavi. Continuano a sbarcare decine di migliaia di persone: per lo più profughi che cercano scampo dalle guerre e le violenze che imperversano nei loro territori. Oltre il 40% delle popolazioni povere vogliono lasciare il proprio paese. Significa  centinaia di milioni di esseri umani : finché il divario di reddito fra nazioni ricche e paesi poveri non diminuirà, questo flusso continuerà in modo incessante. E non mi sembra che si stia facendo nulla per modificare lo stato delle cose. Nulla per inventare nuove politiche sia di sviluppo, sia d’integrazione. Anzi. Abbiamo orchestrato guerre e mentito spudoratamente per farle, spacciandole attraverso i media come operazioni di pace. Abbiamo costruito milioni di armi e le abbiamo vendute illegalmente in ogni dove. E adesso ci lamentiamo se qualcuno le usa contro di noi. E se le usa, i titoloni si sprecano. Noi occidentali abbiamo praticato politiche internazionali assurde, violente e poco lungimiranti. Abbiamo trascurato le uniche armi che andrebbero usate: quelle del buon senso. Anche i media mi sembra che manchino molto spesso di buon senso. E di equilibrio. Vivono di strappi, singulti, iperboli spesso retoriche quanto subdole. Spingono sull’acceleratore in caso di efferata tragedia che ci riguarda da vicino e frenano quando si tratta di misere tragedie che hanno a che fare con povertà, solitudine, disperazione.

Germanwings A320 crashes over French AlpsEd ecco che allora la differenza tra l’aereo e il barcone salta agli occhi in modo dirompente. Come se a noi occidentali piacesse molto di più l’aereo che il barcone. Ma di fronte alla morte dovremmo avere un unico sentimento: quello della commiserazione universale e non del pietismo del particolare.

Michil Costa
Alto Adige, 29/03/2015

15.03.29_AltoAdige_Michil Costa

Un pensiero su “Morire su un barcone o in aereo?

  1. Andy

    Caro Michil,

    quanto da te esposto riassume non solo l’interesse del popolo italiano/mondiale a tragedie di questa entitá, ma bensí il valore che i lettori di riviste/giornali ed i telespettatori assegnano a questi eventi. Il disastro aereo ha, per molti di questi, piú domande aperte su cui lavorare, piú scoop e piú questioni economiche annesse. Tuttavia, il prezzo ed il valore di una vita umana é in entrambi i casi di pari entitá e concordo sul fatto che la superficie calpestabile dei paesi industrializzati possa accogliere anche chi é alla ricerca di una degna conduzione di vita, senza nulla togliere a chi giá la calpesta.
    Buona pasqua
    Andy!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...