L’ospitalità “sociale” dell’hotel La Perla

Non c’è un gm, abbiamo un organigramma circolare con 12 manager, ciascuno responsabile di un settore. Insieme affrontiamo decisioni, investimenti, bilanci, debiti. Tutti in azienda conoscono il bilancio e sanno che né io né i miei fratelli, prendiamo dividendi. Abbiamo un buono stipendio. Le decisioni spettano a loro, e non è sempre facile. Per esempio, a un certo punto volevo eliminare dai fornitori le multinazionali. Però il manager del Food & Beverage mi ha convinto che non si può togliere la Coca Cola. Siamo arrivati a un compromesso, alla Perla c’è, al Ladinia no. In compenso non abbiamo prodotti della Nestlè. Preferiamo piccoli produttori artigianali, come la Torrefazione Jamaica per il caffè, ed evitiamo astici, aragoste e ostriche nel menu.

Leggi tutto l’articolo de Il Sole 24 ore: L’ospitalità “sociale” dell’hotel La Perla in Alta Badia

Sole24ore

Un pensiero su “L’ospitalità “sociale” dell’hotel La Perla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...