Il mercoledì chiudiamo il Sella

È arrivata l’ora. Dopo anni e anni di discussioni, finalmente qualcosa si sta facendo: quest’estate tutti i mercoledì, il passo Sella sarà chiuso al traffico motorizzato.

Amo la Terra. Tanto tempo fa, evitare gli sprechi per le generazioni passate non era un comandamento, ma una necessità. Amavano la Terra i nostri avi? Sicuramente non era una questione di etica, ma di penuria. Le cose, si sa, da allora sono un po’ cambiate; sprechiamo e inquiniamo senza rispetto. Abusiamo spesso del nostro corpo, ci facciamo cullare da vizi e stravizi in nome della tanto vituperata libertà.

Amo la Terra e amo l’esperienza Dolomiti, ma non amo il prodotto Dolomiti. L’esperienza è un desiderio, una bramosia, il prodotto è una cosa della quale non necessariamente ho bisogno, come di ogni altro oggetto del desiderio: chi acquista un orologio prezioso non lo acquista perché è un prodotto necessario, ma lo fa per acquistare un benessere, una piacevole sensazione, una sensazione di benessere.

via-ferrata-col-rodella-via-ferrata-selva-di-val-gardena-val-gardena-alto-adige
Passo Sella, copyright http://www.Sentres.com

Fare cultura dell’ospitalità significa proprio questo: coinvolgere chi arriva da lontano, nell’irrefrenabile desiderio che noi stessi sentiamo per questi luoghi. Continua a leggere “Il mercoledì chiudiamo il Sella”

La forza dell’altro

Io sono relazione, lo sappiamo bene. Io sono l’altro e dell’altro dovrei decantarne i punti di pregio, piuttosto che esaltarne le debolezze. All’altro posso chiedere aiuto, all’altro devo dare sostegno. Le cose non dette certo, possono essere fonte di allusioni, sospetti, difficoltà relazionali, le cose dette invece sono certezze: lasciano il segno, hanno un peso e influiscono sostenibilmente sulla relazione con l’altro. Se sono negative, magari addirittura accusatorie, sono anti-generative, non lasciano nulla di bello, peggio, qualcosa nella relazione può essere spezzato.
Io sono strettamente legato all’altro, nessuno di noi può avere la presunzione di riuscire a vivere isolato. Accuse e parole sono macigni, chi li usa può avere l’impressione di buttare dei sassolini nelle scarpe dell’altro, ma possono essere insostenibili pesi per chi li subisce. Posso sentire l’esigenza di liberarmi dai sassolini, come da una battaglia che devo vincere subito, ma non è così: sono invece gli strateghi a vincere, quelli che pianificano, che controllano e che hanno visione del tutto, che vedono lungo e che, pur essendo consci delle difficoltà, fanno i passi positivi. Non vince chi usa le freccette. Ci vuole riflessione, autodisciplina per tenere a freno l’impulso di dire tutto ciò che vorremmo dire in certi momenti. Come manager, oltre che come persona, ho la necessità e il dovere di capire che il mio comportamento ha degli effetti sull’altro, su tutto l’andamento del gruppo e quindi sull’attività. Solo allora riuscirò a calibrare il mio approccio e vedere il problema come un’opportunità e non come un blocco; un’opportunità che avrà un’influenza positiva sull’intera azienda.

IMG_2432

Come persone abbiamo una grande capacità: quella di essere resilienti e di averne la consapevolezza. La resilienza è quella cosa, che ci permette di rialzarci in continuazione, che ci rimette in piedi facendoci crescere, che ci fa cantare vittoria e godere della stessa, quando le cose vengono aggiustate. Continua a leggere “La forza dell’altro”

Terme, natura e storia in Val d’Orcia

La Val d’Orcia è famosa nel mondo per l’incredibile bellezza del territorio, che ha fatto da sfondo ai quadri dei grandi pittori senesi del 1300 e 1400, dove la presenza umana si fonde con il territorio come nella pratica del buddismo Zen: tutto è opera dell’uomo, il bosco di pini e querce, il prato, il coltivo, il frutteto, la vigna, la strada bianca, il filare di cipressi, il cascinale nascosto tra gli alberi, la torre che svetta sul poggio, il rossiccio borgo turrito che occupa la cima di una collina, eppure l’armonia che pervade l’osservatore gli nasconde la mano dell’uomo come il quadro nasconde la pennellata del pittore. Bagno Vignoni (30 residenti) ne è il perfetto emblema, forse perfino la metafora.
L’essere lungo la strada Francigena che portava a Roma facilitò la sosta dei viandanti a Bagno Vignoni dove si rifocillavano nelle sue osterie e riprendevano le forze immergendosi nelle sue acque miracolose. In tempi più recenti la Val d’Orcia è diventata famosa in tutto il mondo grazie a Montalcino e al Brunello, il nettare degli dei che vi viene coltivato, spremuto, imbottigliato. Montalcino dista una ventina di chilometri da Bagno Vignoni attraversando uno dei territori maggiormente vocati per il vino di pregio.

Bagno Vignoni2Agostino e Stella Marcucci alla metà del 1800 a Bagno Vignoni gestivano una locanda con rivendita di alimentari e recapito postale. Il primo Albergo Posta è del 1886 ma è alla metà degli anni Cinquanta del 1900 l’edificazione del corpo centrale dell’attuale hotel avvenuta su una vigna spiantata. A metà degli anni Settanta, su intuizione di Licia Marcucci, fu inaugurata la piscina, che ancora oggi è un centro di eccellenza per gli appassionati del termalismo: quando gli operai iniziarono a scavare nello spugnone di travertino nel terreno dietro la casa ecco sgorgare l’acqua calda nella grande vasca. E’ acqua termale, la stessa che alimenta la piscina della piazza del borgo. La piscina dell’Albergo Posta Marcucci diventa, dagli anni Settanta in poi, luogo di culto, pace e benessere. Nel frattempo, quattro generazioni di Marcucci si danno il cambio. L’ultima, con Leonardo Marcucci, decide di passare la mano definitivamente. Gli interlocutori sono i figli di una coppia di albergatori ladini del Sud Tirolo che frequentano Bagno Vignoni e l’albergo da almeno trent’anni, i Costa di Corvara in Val Badia.

Renato Andreoletti

Leggi tutto l’articolo su www.hoteldomani.it

A idea segue azione e tanta Bellezza

Albergo Posta Marcucci, Bagno Vignoni, aprile 2017

IMG_7798

An mess destenn l’brac y ester asvelti a pié do ala fortüna!

Ti passa vicina e se non te la metti in tasca chissà come e quando ti ricapita la fortuna.
Und mit a bissl Gschick kann man gewaltiges erreichen. Ja, Glück haben wir -auch- gehabt. E ora, con tutta questa fortuna in tasca, la domanda è lecita: cosa ci facciamo qui al Posta Marcucci?
Creiamo benessere sono le prime due parole della nostra missione. Creare dal latino ‘criar’, dalla radice ‘Kar’, fare, creare. Non solo avere un’idea, ma soprattutto agire; come Bruce Lee ci insegna. Kri-ja è l’azione, Kreion è quello che fa.
Grazie Toscana e magnifica comunità di San Quirico di averci accolti in Val D’Orcia, patrimonio dell’umanità. Questo posto l’abbiamo visto, ci ha scelto e voi ci avete accolti. Grazie. Veniamo dalle Dolomiti, così incombenti, sempre ravvicinate a quel tempo in cui la pendenza del terreno e le alte guglie e i folti lariceti limitavano l’accesso a prospettive lontane. La Val d’Orcia ci ha dato libertà di andare, di avventurarci un poco oltre la linea d’orizzonte. In questo spazio avremo il tempo di costruire non qualcosa, ma qualcosa di bello. Di essere generativi, godere del bello. Eh sì, la bellezza, lo diceva già Goethe, è l’ospite più gradito.

076_HPM-IMG_3168 (1) Continua a leggere “A idea segue azione e tanta Bellezza”

Wie der Vater – so der Sohn

Der eine exzentrisch im Auftritt, der andere ein Gastwirt der alten Schule, der auch mal die Ärmel hochkrempelt: Der Gadertaler Hotelier Michil Costa (55) und sein Vater Ernesto (85) könnten wohl nicht unterschiedlicher sein. In seiner Jugend schlug Michil auch ganz andere Wege ein, als vielleicht von seinem “Tati” erhofft: “Damals in den 1970ern wollte ich nur weg, lebte in London den Rock. Meine Vorbilder waren die Sex Pistols!”

17.03.19_ZettAmSonntagME

Dass sich das grundlegend geändert hat (und damit auch das Verhältnis zum Vater), daraus macht Michil kein Geheimnis: “Dann kam ich zurück und all meinen Vorsätzen zum Trotz trat ich in die Fußstapfen meines Vaters. Heute ist er mein Vorbild. Als unser Hotel La Perla 1975 abgebrannt war, baute er es ohne eine Lira in nur sechs Monaten wieder auf. Gelernt habe ich von ihm, an meine Träume und Visionen zu glauben.” So ist es auch kein Widerspruch mehr, dass Ernesto seine alten Mortorräder liebt – und Michil künftig kein einziges Motorrad mehr auf den Dolomitenpässen sehen möchte: “Es war schwer, einen gemeinsamen Weg zu finden. Heute besteht unser Verhältnis aus dem Nicht-Gesagten, großer Achtung und Liebe füreinander. So wie es zwischen zwei Menschen der Berge üblich ist. Und wir müssen unseren Frauen Danken, dass sie so viel Geduld mit uns haben.”

Zett am Sonntag, 19.03.2017

Entrambi sono nati nel 1956

La scelta di ampliare il proprio orizzonte è stata dettata dall’amore per Bagno Vignoni e dal desiderio di riportare all’antico splendore il piccolo ma accogliente albergo toscano.
“Se un cambiamento è auspicabile, esso avverrà nel segno di una continuità vera e concreta, senza trucchi e maquillage inopportuni”

Leggi l’intero articolo: IlSole24Ore

sole24