Closed-road cycling, healing the Dolomites

“One of the more colourful characters taking part in yesterday’s event was Michil Costa who was riding his lovingly-restored, 120-year-old penny farthing. Costa, the owner of an eco-friendly hotel in Corvara who has been involved in the organisation of the Maratona since 1997, believes the Dolomites – a Unesco World Heritage Site – should be “healed” by the regular banning of motorised traffic. He has a “dream that within the next four to five years”, every day will be Bike Day in Alta Badia, with motorised traffic banned from its mountain roads for a few hours seven days a week.

Costa acknowledges that this idea has the support of “only 15%” of his fellow hoteliers, but says it was the same when the Maratona started. “Now all the businesses love the Maratona because it directly results in 80,000 overnight stays every year. And the Sellaronda Bike Day has also become a tourist attraction in its own right” he says.”

Read the whole article here : TheGuardian.com
f18a © freddy planinschekcopyright Freddy Planinschek

Dal Sellaronda al Passo delle Erbe: pane, bici e salite

Oggi il Sellaronda – in bici, solo per le bici – compiva dieci anni. Dal 2015 raddoppia: il prossimo giro del velodromo dolomitico scatterà domenica 13 settembre. Intanto, domenica prossima, nascerà il Borz Plose Bike Day, un’altra giornata per sole biciclette: è il Passo delle Erbe (che, a quota 2003, unisce la Val Badia e la Val d’Isarco), un circuito ad anello (61,8 chilometri), partendo da Antermoia, Luson, San Pietro (Val di Funes) e Sant’Andrea. Traffico chiuso dalle 9.30 alle 15. Si può cominciare e finire – consigliato il senso orario – dove si vuole, quando si vuole, se si vuole. Senza pagare. E come testimone della giornata: Maria Canins.

Leggi tutto l’articolo: Dal Sellaronda al Passo delle Erbe: pane, bici e salite

81B_1182

photo credits: inGamba

Un serpente di bici: ode all’armonia ed alla bellezza

La bicicletta che libera l’uomo e l’ambiente, due ruote una catena, l’equilibrio del moto perpetuo.
Per dirla con le parole del poeta Alessio Lega “Suola e pedale questo è il vero ideale”. Le parole di Michil Costa non suonano tanto diverse. Un’ode all’armonia e alla bellezza che un serpente di bici lungo nove chilometri può produrre lasciando un’eco che dura da ventisette anni.

GUARDA IL VIDEO: radiobici.it

radiobici

 

Armonia

Dalla finestra del mio ufficio osservo il giovane cirmolo. Era il 2001 quando lo togliemmo dalla riva del fiume che minacciava di affogarlo e lo trapiantammo qui davanti. Me lo ricordo ancora: spuntava appena dal davanzale della finestra e io riuscivo ancora a vedere per intero l’elegante campanile tardo gotico della chiesetta dedicata a Caterina d’Egitto, santa protettrice di Corvara. Quel campanile ora lo intravvedo appena, sempre più nascosto dall’alberello. Continua a leggere “Armonia”

Doping? Serve rivoluzione culturale

“Lo sport è scuola di vita, e la trasparenza anche a livello amatoriale perché fa star bene e funge da  esempio per i giovani. Proprio per questo, la lotta al doping è importantissima.”

Leggi l’intervista a Michil Costa su datasport.it

MgCaCO2

di Gianfranco Comanducci

Fuori dai numeri e dagli acronimi, carbonato di calcio e magnesio. Una formula magica, chimica che diventa passione e trasforma le Dolomiti – il loro paesaggio e le loro memorie – in un palcoscenico di pietra unico al mondo, nel tempio dello sport alle sue altezze più pure ed essenziali.

Continua a leggere “MgCaCO2”