L’Homo Oeconomicus deve sparire

Un metro quadrato al secondo: è la terra che si consuma nelle nostre montagne. Il dato sconcertante è emerso durante il convegno annuale di CIPRA, il comitato internazionale per la protezione delle Alpi. Nella magnifica città di Annecy, in Francia, ci si è confrontati sul “vivere nelle Alpi”. Erano presenti tutte le delegazioni, oltre quella francese, la Svizzera, l’Austria, l’Italia, il Lussemburgo e la Slovenia.
La Svizzera, sempre più innovativa rispetto agli altri paesi, ha già messo in atto dei provvedimenti importanti. Vediamone alcuni: protezione totale della brughiera, dove è impossibile edificare; i comuni con oltre il 20 per cento di seconde case non possono più mettere in vendita ulteriori abitazioni ai non residenti; limitazioni sempre più efficaci alla costruzione di nuove zone abitative. Inoltre gli svizzeri si basano su un principio molto semplice: la “Ernährungssicherheit”, la sicurezza alimentare in loco.
Nuove designazioni per le zone abitative possono essere assegnate solo se ci sono già dei collegamenti di trasporto pubblico.
Alcune idee, spesso quelle più radicali, nel senso che vanno alla radice dei problemi, nascono dalle moltissime iniziative private. Le discussioni che emergono vengono sottoposte alla popolazione tramite i quattro referendum che si svolgono annualmente.

14Il sottoscritto ha fatto una relazione sull’homo oeconomicus, Continua a leggere “L’Homo Oeconomicus deve sparire”

VIVERE BENE NELLE ALPI! Le soluzioni creative per far fronte alla scarsità delle risorse

Dal 13 al 15 novembre ad Annecy in Francia ci sarà il convegno annuale CIPRA 2014, l’organizzazione “ombrello” per la salvaguardia ed il sviluppo sostenibile delle Alpi. Si parlerà di Alpi, di ambiente, di scarsità delle risorse, ma soprattutto di idee creative e di soluzioni per far fronte al crescente consumo di natura, soluzioni che vanno oltre i confini verso una collaborazione ed un interscambio tra di noi, abitanti delle Alpi.

Ci sarò anch’io, domani venerdì 14, a parlare di “Homo Oeconomicus”, dello sviluppo del turismo nelle Dolomiti, della natura, il più grande patrimonio a disposizione dell’uomo, da proteggere e salvaguardare, e di Dolomiti senza auto, di lusso contemporaneo -tempo, spazio e tranquillità-e di alternative concrete all’attuale sistema obsoleto, come l’Economia del Bene Comune.cipravivre-dans-les-alpes

Ecco il programma dettagliato del convegno: Programma convegno annuale CIPRA-2014

LA GENTILEZZA CHE DOBBIAMO RITROVARE

Sono felice quando salgo su questi monti. Sono contento anche quando le guardo le Dolomiti, per la pace e la gioia che mi infondono. Il mio umore cambia, invece, quando vedo politici opportunisti e affaristi che agiscono senza rispetto per quel che li circonda. E divento nero quando mi accorgo che stanno reinventando strategie turistiche secondo la formula “all you can eat”: mangia tutto quello che riesci a ingurgitare. Uno specchietto per le allodole usato da esercizi ricettivi di basso livello per attrarre le grandi masse.

2014.04.01_La gentilezza che dobbiamo ritrovare_Alto Adige

Quale sviluppo: dibattito a più voci

questa sera, 21/03, alle 20:30 a Malè.
Il futuro del Trentino tra… ambiente, identità, politica e sviluppo”

L'adige

L’Adige, 21/03/2014